BERGAMO IMMOBILIARE

Elenco news

Home > Elenco news
  • Mutui, cala la rata mensile e sempre più persone hanno un prestito

    14/09/2020

    Scende lievemente la rata media dei mutui, mentre aumenta il numero di residenti che ne hanno contratto uno. È quanto emerge dalla Mappa del Credito elaborata da Crif e aggiornata al primo semestre 2020. Dai dati emerge che il 41,3% della popolazione maggiorenne residente in Italia risulta avere almeno un contratto di credito rateale attivo, facendo registrare una crescita del +4,8% rispetto ad un anno fa. A livello pro-capite, la rata media mensile è di 333 euro (-3,2% rispetto a 12 mesi fa e in calo anche rispetto ai 362 euro del 2016). L’esposizione residua, intesa come somma degli importi pro-capite ancora da rimborsare in futuro per estinguere i contratti in essere, è pari a 32.253 euro (-2,5% rispetto alla precedente rilevazione). «Entrambi questi indicatori risultano in contrazione non solo per il calo dei tassi e per la tendenza a privilegiare piani di rimborso più lunghi rispetto al passato, ma anche per la minore incidenza dei mutui all'interno del portafoglio delle famiglie, che rappresentano il 21,4% sul totale dei finanziamenti attivi» recita un comunicato. I prestiti finalizzati all’acquisto di beni e servizi sono la forma tecnica con una quota più rilevante, pari al 46,2% del totale, seguiti dai prestiti personali, che vantano una incidenza del 32,8%. L’analisi a livello regionale mostra che la regione con la quota più elevata di popolazione maggiorenne con almeno un rapporto di credito attivo è risultata essere la Toscana, con il 46,5% del totale, seguita da Friuli-Venezia Giulia (con il 44,9%), dalla Sardegna e dal Lazio (entrambe con il 44,7%) e dal Piemonte (con il 43,6% della popolazione). Infine, nel primo semestre 2020 le regioni in cui i cittadini ogni mese sostengono la rata media più elevata sono risultate essere il Trentino-Alto Adige, con 432 Euro, il Veneto e la Lombardia (entrambe con 377 euro). Seguono l'Emilia-Romagna e la Toscana, rispettivamente con 358 e 349 euro. (Paolo Dezza, Il Sole 24 ORE – Estratto da “ilsole24ore.com”, 14 settembre)

    Indietro